Sito Ufficiale di Leonardo Manetti, poeta contemporaneo toscano.

   
     -
Tap To Call

Sabato 5 settembre 2015 presentazione libro alla Casetta del Buon Vino di Firenze insieme all’amico poeta Emanuele Martinuzzi a cura di Annamaria Dulcinea Pecoraro

11929988_10207250440409166_1531663208_o

 

Festival “Fiume d’arte” 2015
PRESENTAZIONE LIBRI

Gli occhi interiori & L’oltre quotidiano
di e con
Leonardo Manetti & Emanuele Martinuzzi

“GLI OCCHI INTERIORI” è pubblicato dalla casa editrice Marco del Bucchia di Massarosa (LU). La prefazione è a cura della poetessa e giornalista freelance Dulcinea Annamaria Pecoraro e il disegno di copertina della pittrice Tatjana Goex. È una raccolta di 31 poesie con una breve riflessione finale sulla poesia di oggi. Dopo un breve racconto per dire cosa spinge a scrivere Leonardo, seguito dalla poesia “lo scrittore” ci sono alcune poesie racchiuse sotto la voce “le inquietudini”. Le altre poesie raccontano i temi maggiormente affrontati di solito da un poeta, e sono divise in: “gli affetti”,”l’amore” e “il sociale”. (…) molte sono le poesie dedicate al sociale e alla visione dell’era contemporanea, perchè chi scrive non può essere indifferente al mondo che lo circonda. Le poesie legate agli affetti completano il libro, un punto sempre ben saldo nella vita di Leonardo, un rifugio e un punto di riferimento di sicura fiducia .
“L’OLTRE QUOTIDIANO”: “Il poeta trova i legami e i nessi tra la semplicità del vivere quotidiano, costantemente messo alla prova da scelte, ragione, impulsi, emozioni e azioni e un qualcosa che supera la stessa quotidianità, tanto da evocare il sentimento d’amore nei suoi elementi costitutivi e totali, che solo apparentemente sembrano separarsi, quello spirituale e quello carnale” (dalla nota di Adua Biagioli Spadi). “La poesia di Martinuzzi è un percorso di riscoperta dello spirito umano, dimenticato nei nostri complicati tempi, come incantato e bisognoso di nuovo svelamento” (dalla nota di Davide Foschi). “La donna diventa il soggetto del cuore-ragione (…). La custode e l’apocalisse di quanto l’uomo brama. Luce nel buio, incubo, domanda senza risposta, freccia che arriva diretta. Suggello che porta all’azione e alla reazione nell’oltre quotidiano” (dalla nota di Annamaria Pecoraro). “Attraverso questa silloge il poeta Martinuzzi sorvola il continente femminile, ed esplora in profondità e delicato rispetto la sua grazia” (dalla nota di Claudia Piccini).

Relatore:
Annamaria Dulcinea Pecoraro
(Direttore di Deliri Progressivi)

Sab o5 settembre ore 17:30
Casetta del Buon Vino
Piazza demidoff (FI)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>